Calcio: La sala Stampa di Paulo Sousa “pre” Milan

Sousa: “Contro il Milan non è una partita decisiva”

Il tecnico della Fiorentina non vuole etichettare la sfida con i rossoneri, ma giocarla come tutte le altre partite

 

Domani la Viola vuol provare a bissare Monchengladbach…

PAULO SOUSA: “MILANO NON E’ GARA DECISIVA…”

Di Fabio Fallai

Inizia la conferenza stampa di Paulo Sousa.

Montella “ha ragione, non sarà decisiva”. Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina, è d’accordo con il collega, domani sera alla guida del Milan avversario dei viola a San Siro. Una sfida che odora di spareggio per l’Europa. “La nostra squadra ha l’ambizione di vincere ogni partita e la pressione è naturale. Noi vogliamo guadagnare ogni punto a disposizione”, ha chiarito in conferenza stampa il tecnico viola reduce dall’impresa di Moenchengladbach. “Ogni successo aiuta a recuperare più velocemente dal punto di vista mentale, anche se è statistico che i successivi risultati delle squadra che giocano il giovedì in Europa non sono ottimali”. Il portoghese ha poi individuato i punti di forza dei rossoneri, “hanno grande capacità di transizione, qualità individuale dei giocatori, la grandezza della società che porta la convinzione giuste, di vincere le partite anche in nove. Dovremo fare dei cambi, alcuni devono riprendere fiato. Avremo bisogno di freschezza, sarà una partita di grande intensità”.

La squadra e lei avverte la pressione della partita?

Abbiamo sempre la voglia di vincere e giochiamo per quello

Avverto segnali che fanno pensare  alla risoluzione del contratto tra lei e la Fiorentina e la città perderà qualcosa. Cosa pensa in proposito

E’ una interpretazione tua: lavoriamo insieme per vincere e il presente determinerà il futuro.

Il Milan ha risultati inferiori al suo gioco: cosa teme di più di loro?

La capacità di transizione, sia davanti, la qualità individuale dei giocatori e la grandezza del club

Quanto è difficile preparare una partita così importante in così poco tempo? E un suo giudizio su Ilicic

I giocatori che entrano in campo sono quelli che ci possono aiutare a vincere. Ilicic ultimamente non ha il massimo della condizione. E’ una sconfitta anche mia: lui può fare la differenza ma quest’anno a livello motivazionale non ha garantito le prestazioni che lui stesso ambisce.

La partita si prepara sul campo: dovremo fare dei cambi perché alcuni giocatori hanno bisogno di prendere fiato. Dobbiamo garantire forze fresche.

Vincere con il Borussia quanto può servire? Montella ha detto che la partita di domani non è decisiva: è d’accordo?

Ha ragione, non è decisiva. Ogni vittoria ti aiuta a recuperare più velocemente. Ma è vero che tutte le squadre che giocano il giovedì nel turno successivo di Campionato non sono tra le migliori

Com’è il rapporto tra te e Bernardeschi?

C’è una grande vicinanza: cerco, non solo con lui, di educare e cogliere il massimo di ognuno. Voi vedete la sostituzione come una critica, per me è uno stimolo per migliorarlo. Ha bisogno di continuità di ritmi alti.

Domani per Berlusconi potrebbe essere l’ultima volta con il Milan. Arrivano nuovi soggetti con forme nuove. Come giudichi il calcio italiano?

Per un calciatore, ai miei tempi, arrivare in Italia era il massimo. Adesso ha perso questo smalto. Ma se arrivano personaggi che assicurano la presenza di grandi giocatori, il mio giudizio sarà comunque positivo

Oggi è il compleanno di Roberto Baggio. Quanto manca al calcio italiano uno come lui?

Baggio deve essere ricordato tutti i giorni, non solo nel giorno del suo compleanno. Ho avuto il privilegio di vedere di persona la grandezza del suo calcio. Lui si allenava tanto e curava tutti gli aspetti che facevano crescere la sua qualità di gioco.

Saponara ha possibilità di essere titolare?

Lui è al 100% ed ha ovviamente la possibilità di giocare al pari degli altri.

La Fiorentina Giovedì ha giocato meglio quando si è abbassata, rinunciando ad aggredire alti. Può funzionare anche con il Milan?

L’abbassamento è stata una conseguenza delle difficoltà che il Borussia ci ha procurato.

Tatarusanu sembra più sicuro. Come lo vede? Come pensa di fermare Suso, in grande forma al momento?

Tata sta molto bene e spero che continui così. Abbiamo bisogno di lui, come l’anno scorso Handanovic ha salvato l’Inter in difficoltà.

Non abbiamo mai fatto marcature a uomo: cercheremo di avere superiorità sul campo non solo sul suo lato, proprio perché molto pericoloso.

Ieri è stato ufficializzata la cessione di Toledo. Cosa è successo?

Non è una questione di età o di passaporto: cerco di prendere le mie decisioni. Per il resto dovete chiedere al Direttore

In vista della partita di domani sera alle 20,45 a San Siro contro il Milan – una sorta di scontro diretto per l’accesso all’Europa League – Paulo Sousa si presenta alle 13,30 in conferenza stampa per parlare della partita.

Siamo in attesa del Mister per informarvi in diretta live sulle dichiarazioni dell’allenatore viola

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

Lascia un commento