Category Archives: FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

TENNIS- Cocciaretto: “Che emozione battere l’idolo Errani. Sogno di vincere a Roma ed entrare in top ten”

Elisabetta Cocciaretto è allenata da Fausto Scolari ed è attualmente tesserata per il Circolo ‘’Tennis Italia’’ (Forte dei Marmi). Nata da padre informatore medico e una madre dottore commercialista e consigliera regionale, ha un fratello di 16 anni che frequenta il secondo anno di un istituto tecnico. Elisabetta ha vinto da Juniores i campionati italiani U11, U12, U13 e U14, e per ben due volte il noto torneo ‘’Lemon Bowl’’. Da U18 ha vinto un torneo di grado 1 in Austria, ha ottenuto una semifinale all’Australian Open Juniores e al torneo ‘’Bonfiglio’’, e ha partecipato alle Olimpiadi giovanili nell’ottobre 2018, ultimo torneo della sua carriera juniores in cui vanta un best ranking di numero 12. Ha inoltre vinto gli europei di doppio in coppia con Federica Rossi.

Tra le vittorie prestigiose della sua giovane carriera ricordiamo quella contro Cori Gauff (classe 2004, attuale numero 52 del ranking WTA) al primo turno dell’Australian Open junior 2018, l’edizione in cui l’italiana ha raggiunto la semifinale. Alle qualificazioni dell’Australian Open 2020 ha battuto con il punteggio di 6-2 6-1 Tereza Martincova (classe 1994, attuale numero 133 WTA), per entrare nel main draw. Si era precedentemente imposta contro Allie Kiick (classe 1995, attuale numero 160 WTA) in Cile all’ITF 01A con il punteggio di 5-7 6-2 6-2 e contro Sara Errani (classe 1987, ex numero 5 del mondo in singolare e finalista del Roland Garros), vittoria che l’ha portata alla conquista del W60 Asuncion del 2019. Sempre ad Asuncion ha battuto anche Conny Perrin (classe 1990, ex numero 134 WTA), già sconfitta due volte di fila a Torino e Palermo quando la giovane marchigiana aveva appena fatto il suo ingresso tra le prime 700 giocatrici del mondo.

Attualmente numero 157 del ranking WTA, Elisabetta quest’anno ha fatto il suo esordio assoluto a livello Slam all’Australian Open, sconfitta al primo turno da Angelique Kerber.

In esclusiva ha gentilmente raccontato a Ubitennis la sua storia e le sue ambizioni.

Quando e come nasce la tua passione per il tennis?
La mia passione per il tennis nasce fin da piccolissima perché i miei giocavano a livello amatoriale. Vicino casa c’era il torneo ‘Tennis Europe’ under 12 di Porto San Giorgio e un giorno andai a vedere qualche partita con mio padre. Mi chiese se volevo iniziare a giocare a tennis, risposi di sì. Ho quindi iniziato i corsi gratuiti del maestro storico del circolo e da lì mi sono appassionata sempre di più.

Qual è il momento della tua ancora giovanissima carriera che, in generale, ricordi con maggior piacere?
Di sicuro è stata la qualificazione al Foro Italico, era sempre stato il mio sogno giocare su quei campi un giorno. Un altro bel ricordo è stata la vittoria contro Sara Errani in Paraguay, perché oltre ad essere sempre stata il mio idolo, quella vittoria significava l’accesso nelle prime 200 al mondo e quindi l’ingresso alle qualificazioni dell’Australian Open assicurato.

Nella tua gioventù vissuta nelle Marche, c’è invece un episodio tennistico che è stato particolarmente significativo per la giocatrice che sei e stai cercando di diventare?
Sicuramente la finale vinta al Lemon Bowl under 10 contro Olga Danilovic: ero troppo felice dopo quella partita!

Quale torneo, a prescindere dalla levatura internazionale, sogni di vincere?
Sogno fin da piccola di vincere il Masters 1000 di Roma, vincerlo davanti al pubblico italiano sarebbe il coronamento di un sogno.

Come giudichi la tua esperienza all’Australian Open di quest’anno?
È stata bellissima. Mi sono confrontata con le giocatrici più forti al mondo e ho potuto capire su cosa avrei dovuto lavorare per arrivare un giorno ad essere come loro. La qualificazione è stato un sogno diventato realtà.

Come stanno procedendo la tua preparazione e gli allenamenti in attesa della ripresa del circuito WTA?
Attualmente sono a Matelica (Marche, provincia di Macerata, ndr) a casa della suocera del mio allenatore Fausto Scolari: ha un campo privato e quindi ho avuto la possibilità di riprendere ad allenarmi. In attesa di sapere quando potrò andare al centro tecnico di Formia.

Obiettivi e ambizioni per il futuro?
Sicuramente il mio obiettivo principale è diventare un’atleta a tutti gli effetti e dare il massimo tutti i giorni. Facendo così raggiungerò il massimo del mio potenziale. Un giorno mi piacerebbe però entrare nelle prime 10 del mondo!

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

Doppia ripartenza per la Serie A: il 13 giugno i recuperi. Il 20 tutti in campo

La Lega di Serie A vuole definire anche il calendario. L’intenzione è quella di far ripartire tutte le squadre nelle stesse condizioni.

Così l’idea è quella di far giocare i recuperi della giornata numero 25 il 13 giugno. Così poi da far tornare le squadre in campo per la giornata numero 27 che sarebbe in programma il 20 giugno.

Con due giornate da disputare ogni settimana, dovrebbe essere rispettata anche la scadenza del 2 agosto indicata dall’Uefa per la conclusione dei campionati. Poi spazio alle coppe europee. Sul tavolo della Lega, ovviamente, anche la questione diritti tv. Anche dopo le parole di Spadafora su una possibile “diretta gol in chiaro” per evitare assembramenti nei luoghi di ritrovo dei tifosi.

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

L’Inter vuole Chiesa. Ma parte solo alle condizioni di Commisso

L’Inter vuole Federico Chiesa. O meglio, Antonio Conte vuole Chiesa. Per il tecnico dell’Inter è una priorità assoluta e lo stesso Conte da tempo fa pressione sul direttore generale Marotta. L’esterno della Fiorentina è in cima alle preferenze del tecnico nerazzurro.

Ma Marotta non ha mai affondato il colpo. Il motivo è presto detto. L’Inter non ha alcuna intenzione di spendere i famosi 60 milioni di euro chiesti da Commisso. Inoltre i nerazzurri vorrebbero inserire nell’operazione alcune contropartite.

Insomma se queste sono le premesse fa bene l’Inter a non partire neanche. Commisso infatti è stato sempre molto chiaro: no alle contropartite. E soprattutto: Chiesa parte, ok, ma alle condizioni della Fiorentina. Altrimenti resta a Firenze.

Infine, aggiungiamo noi, la Fiorentina continua a ripetere che la partenza di Chiesa non è così scontata. Insomma chi vuole Federico deve presentarsi con l’offerta giusta. Altrimenti Chiesa non si muove.

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

TENNIS- Auguri Fogna! “Sono cresciuto come padre e marito. Djokovic infrangerà i record, ma il tennis più bello è di Federer”

Oggi è grande festa per Fabio Fognini, che compie 33 anni. Ma si tratta di un compleanno particolare e diverso dal solito a causa dell’emergenza sanitaria che da più di due mesi ha bloccato il mondo intero. Il ligure, infatti, avrebbe dovuto spegnere le 33 candeline a Parigi poiché, in condizioni normali, questa domenica avrebbe dovuto prendere il via il Roland Garros. Fabio invece si trova ad Arma di Taggia, dove ha trascorso il lockdown con Flavia e i due bimbi (Federico, 3 anni da pochi giorni, e Farah, nata lo scorso dicembre) e dove ha ricominciato ad allenarsi nell’attesa di riprendere le gare.

Per l’occasione, è stato intervistato da Federica Cocchi de La Gazzetta dello Sport, alla quale il n. 11 del mondo ha confermato che questo compleanno ha “il sapore dolce della famiglia. In questo periodo così difficile ho potuto almeno godere al massimo di una vita che non ero abituato a fare. Ho avuto modo di stare tantissimo coi bambini. Farah è nata il 23 dicembre, la sto vedendo crescere. Federico è il ‘grande’, ci divertiamo a fare tante cose insieme, andiamo a cavallo, al golf, giochiamo tanto”. In attesa di ricalcare i campi del circuito, il campione di Montecarlo 2019 è felice di sentirsi “cresciuto come padre e come marito. Ora ho anche una cultura sconfinata di cartoni animati. Ogni sera io e Federico ci mettiamo sul lettone a vedere Tom e Jerry. È un appuntamento fisso, dovrebbe aiutarlo a fare la nanna. Ma il primo a crollare sono io”.

Non solo amore paterno, però. Come diversi altri suoi colleghi durante l’isolamento, tra cui Murray (con Kyrgios e Nadal) e Wawrinka (assieme a Paire), anche Fognini si è dilettato in cimentato in una diretta Instagram con il coetaneo e amico di lunga data Novak Djokovic: “È vero, ci dividono 48 ore. Con Nole ci siamo fatti una bella chiacchierata. Gli ho pure chiesto qualcosa sulla meditazione, magari potrebbe tornarmi utile. Ci conosciamo da quando avevamo 14 anni. Eravamo poco più che bambini, e già si capiva che lui avrebbe fatto grandi cose, aveva un carattere di ferro già allora. Ci sentiamo spesso, mi ha chiesto qualche consiglio sull’organizzazione dei suoi tornei. Mi ha invitato, ma non credo potrò andarci. La sicurezza prima di tutto.

Per Fabio, Nole sembra destinato a infrangere tutti i record, soprattutto i 20 slam di Federer: “Credo che tra i “Big 3” sia quello che potrà vincere più di tutti. Per la testa, per il fisico, per la fame che ha. Poi è ovvio che se mi chiedete chi è il più bello da veder giocare a tennis devo dire Federer”.

Per la competizione ci vorrà ancora un po’ di tempo e intanto l’azzurro sta riassaporando le sensazioni del campo : “Mi manca competere. Mi sto allenando ma un’oretta o due al giorno, non di più. È molto difficile concentrarsi senza obiettivi, senza sapere se e quando tornerai, o su quale superficie. Giocare con il guanto? Sapendo che potrebbe diventare obbligatorio ho voluto provare. La sensibilità un po’ cambia, ma tra allenamento e partita c’è una bella differenza”.

Nell’attesa di ricominciare a gareggiare, Fognini non ha dubbi su cosa ci abbia insegnato questo isolamento forzato: “Mai come ora noi umani pensavamo di essere invincibili, i padroni del mondo, e invece di fronte alla natura non siamo nulla. L’Universo si è preso il suo tempo. E davanti agli scogli dove sono cresciuto ora sono tornati a giocare i delfini”.

TANTI AUGURI FABIO! 

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

TENNIS- Berrettini: “Dovrò avere cura delle mie caviglie, o non andrò da nessuna parte. La lontananza dalla famiglia è difficile”

Un lockdown con la famiglia della fidanzata per Matteo Berrettini che, intervistato da Enrico Sisti per La Repubblica, ha ammesso di avere dei suoceri ‘adorabili’. Già, perché Matteo sta trascorrendo il periodo di isolamento in quel di Boca Raton, a casa di Ajla Tomljanovic, tennista di origine croata naturalizzata australiana, attuale n. 55 del mondo che vive in Florida con i genitori e la sorella Hana da 15 anni. Queste le sue parole riportate da Ubitennis.

Matteo racconta l’esperienza di una convivenza nuova e ricca di belle sorprese, come l’affetto e la gentilezza dei genitori di Ajla, Ratko e Emina: “Sono gentili, accoglienti, mi fanno sentire sempre a casa, ossia uno di loro; sto imparando a conoscere lo stile, la cultura e i modi, anche fisici, di un gruppo con abitudini diverse dalla mia e probabilmente da qualunque famiglia italiana. È bello trovarsi di fronte ad atteggiamenti nuovi cui adattarsi. Per esempio il tatto: loro sono croati, tendono a non toccarsi, non sono particolarmente caldi, almeno nel senso che diamo noi all’aggettivo, sono meno melodrammatici di noi, vagamente più distaccati, meno baci e abbracci. Ma alla fine coccolano anche loro...“.

Insomma, un rapporto idilliaco con i genitori di Ajla, “Già, magari qui ho scoperto che sono più bravo come genero che come fidanzato! Del resto un po’ di tensione, all’interno di una coppia, ci può stare. Ma no, dai, vado bene anche come fidanzato!”. C’è aria di fiori d’arancio, allora? “Ora non saltiamo subito alle conclusioni. Alla romana direi che semo ancora regazzi…!“.

La Florida e Boca Raton, un paradiso del tennis, quasi una realtà sospesa che per un attimo fa dimenticare la terribile pandemia che sta sconvolgendo il mondo da quasi tre mesi: “Da queste parti ci sono più academy che bistrot, Ajla ed io ci siamo incrociati sui campi d’allenamento con Azarenka, Osaka e con tanti colleghi americani, come Tiafoe, Paul e Opelka“.

Durante l’isolamento, Matteo ha avuto modo di recuperare dall’infortunio alla caviglia, che l’ha indotto a saltare l’esibizione di West Palm Beach. Si tratta del suo punto debole, dal punto di vista fisico: “Ho finalmente stabilito un rapporto sano con la mia debolezza: le caviglie. Dovrò convivere con il lato fragile della mia natura. E averne cura, perché senza le caviglie, o con caviglie bistrattate, non vai da nessuna parte”.

Avrei preferito stare accanto alla mia famiglia. Ma se fossi rimasto in Europa (Matteo vive a Montecarlo, ndr) sarei rimasto dentro casa senza sorrisi, senza amici. È stato difficile scegliere […] In Florida pare onestamente di essere circondati dall’ovatta. A Boca Raton in particolare, con questa sua oggettiva ricchezza che colpisce anche l’occhio, tutti questi condomini ampi. Forse aiuta anche lo spirito ispanico. Viviamo in un’oasi, possiamo fare tutto, andare a correre, giocare a tennis su un campo privato, allenarsi in giardino. Qui il distanziamento sociale è quasi inevitabile, mi verrebbe da dire, c’è talmente tanto spazio. E le mascherine sono obbligatorie soltanto nei luoghi chiusi (in Italia vale lo stesso, ndr). Quanto a me, ho avuto paura per i nonni…”.

Gli allenamenti cominciano presto per Matteo, “alle otto di mattina. E faccio la schiuma. Fa già molto caldo”. Quando lo rivedremo di nuovo impegnato nelle gare? “Se tutto è ok, a metà settembre“. Il rientro a casa invece è previsto ‘forse tra tre settimane, ma stiamo ancora aspettando di capire meglio‘. Circostanza che mette in dubbio la sua partecipazione agli Assoluti di Todi.

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

VOLLEY FEMMINILE- Lubian rinnova con la Savino Del Bene Scandicci

La Savino Del Bene Volley comunica che Marina Lubian sarà una atleta della squadra della Savino Del Bene Scandicci  anche per la stagione 2020/21. Lubian vestirà la maglia della società del Patron Nocentini per la seconda stagione consecutiva. Nella scorsa stagione la giovane piemontese ha fatto molto parlare di sè per le sue ottime prestazioni riuscendo a giocare in tutte le gare disputate dalla Savino Del Bene Scandicci.

LE PAROLE DI MARINA LUBIAN

“Sono molto felice di avere l’opportunità di fare un altra stagione alla Savino Del Bene Volley, una delle società al top in Italia. Sono sicura che mi darà molti stimoli nel crescere per migliorarmi sia come persona che come atleta. Non vedo l’ora di iniziare questa stagione. Ho le stesse ambizioni dell’anno scorso ovvero entrare nei playoff e giocarsi lo Scudetto, siamo una squadra molto giovane, troveremo difficoltà ma ne usciremo sicuramente più forti. Spero che la Savino Del Bene Volley possa arrivare a giocarsi questo Scudetto tanto desiderato”.

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

Guagni: “Senza aiuti da Governo e Figc, non possiamo ripartire”

Il calcio femminile e l’incertezza sul domani. Le ragazze della Fiorentina Women’s sono in attesa di capire se riprenderà o meno la stagione di serie A. Anche perché qualcuna, invece di passare la quarantena a casa, è tornata a casa e, per il rientro a Firenze, aspetta un sengale. Però, le difficoltà sembrano essere molte. Il capitano della squadra viola, Alia Guagni, ha detto espresso la sua opinione in merito al TGR Rai Toscana: «Non sapere se torneremo ad allenarci e se ricominceremo a giocare ci sta facendo venire l’esaurimento nervoso. La situazione attuale è complicata, tante società si troveranno in difficoltà, perché non tutti riusciranno ad affrontare una spesa per una ripartenza adesso. Se il Governo non ci dà una mano e la Federazione non ci supporta – continua –  dubito che si potrà ripartire». E poi chiede: «Siamo dilettanti o professioniste».

Per poter ripartire, tutte le società dovrebbero adempiere al protocollo che ha un costo per molti club non sostenibile. Per questo è avanzata l’ipotesi di un protocollo anti-Covid più blando per il calcio femminile. Ma Alia Guagni non ci sta: «Pensare a due protocolli diversi quando si parla di salute è assurdo. La salute è uguale per tutti. Se il calcio femminile, in questo momento, non ha la possibilità di sostenerlo per motivi economici o per altri motivi, non è il momento ricominciare». Nel frattempo, il campionato di serie B femminile 2019-2020 è già stata interrotta dal Consiglio Federale di mercoledì 20 maggio scorso.

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

VOLLEY FEMMINILE- Nuovo libero per il Bisonte, Sara Panetoni, classe 2000.

Il Bisonte Firenze si assicura le prestazioni di un altro fra i prospetti più interessanti della pallavolo giovanile italiana: alla corte di coach Marco Mencarelli arriva il libero classe 2000 Sara Panetoni, che nell’ultima stagione ha giocato in A2 con il Club Italia, e che proprio Mencarelli conosce molto bene, avendola allenata con la nazionale italiana under 18 e avendoci vinto insieme anche un mondiale di categoria. La ventenne romagnola, che ha firmato un contratto biennale, si è già messa in mostra soprattutto in A2 con il Club Italia e con la Conad Ravenna, e al contempo ha ottenuto numerosi successi con le nazionali giovanili, compreso il titolo di miglior libero negli Europei Under 19 vinti nel 2018: per il suo secondo campionato di A1 (dopo quello disputato con il Club Italia nel 2018/19 da seconda di De Bortoli) ha scelto la maglia numero 9, e avrà l’opportunità di crescere e di mostrare le sue qualità accanto all’altro giovane libero de Il Bisonte, Maila Venturi.

LA CARRIERA – Sara Panetoni nasce il 6 maggio 2000 a Lugo, in Romagna, e muove i suoi primi passi nella Fulgur Bagnacavallo, per poi passare, nel 2014, alla Teodora Ravenna, con la quale debutta in B2 a soli 14 anni. A 16 passa all’altra squadra di Ravenna, l’Olimpia, giocando il suo primo campionato in B1 ed ottenendo una promozione che le permette, nella stagione successiva, di esordire in A2 nella Conad Ravenna, nata dalla fusione fra Olimpia e Teodora. Nel frattempo si guadagna le prime convocazioni nelle nazionali giovanili, mietendo subito successi con l’under 18 guidata da quello che sarà anche il suo coach a Firenze, Marco Mencarelli: nel 2017 vince l’oro al Festival olimpico della gioventù europea e si laurea campionessa del mondo alla rassegna iridata in Argentina, mentre nel 2018 conquista l’oro agli Europei Under 19 in Albania, prendendosi anche il premio di miglior libero della manifestazione. Al termine dell’estate si trasferisce al Club Italia, debuttando in A1 a 18 anni e rimanendo nella franchigia federale anche nella stagione successiva in A2: in mezzo, nel 2019, la medaglia d’argento con la nazionale under 20 ai mondiali di categoria, adesso invece il nuovo salto in A1, con la maglia de Il Bisonte Firenze.

LE PAROLE DI SARA PANETONI – “Sono molto entusiasta di cominciare questa nuova avventura e credo che Il Bisonte possa farmi crescere molto come giocatrice e come persona. Ho scelto Firenze perché me ne hanno sempre parlato bene, mi hanno presentato un progetto interessante e questo mi ha fatto scattare la molla. Mi aspetto un anno di crescita personale e di squadra: credo che il fatto di non conoscerci possa essere un punto di forza per lavorare con determinazione fin da subito, e un modo per creare il gruppo”.

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

Chiesa, la Juventus ripropone Mandragora. Per la Fiorentina è sempre No

Su Tuttosport si parla di calciomercato. Nello specifico di Federico Chiesa in ottica Juventus. Ancora una volta si parla di una possibile offerta con l’inserimento di Rolando Mandragora, attualmente all’Udinese. La Juve su di lui vanta un diritto di riacquisto fissato a 26 milioni di euro.

Secondo il quotidiano proprio Mandragora è un giocatore che la Fiorentinaapprezza molto“. Il suo stipendio, inoltre, è più in linea con i bilanci viola che con quelli bianconeri. Anche se poi, aggiungiamo noi, non basta il fatto che un calciatore “guadagni poco” per diventare appetibile per un’altra società.

In sostanza, secondo Tuttosport, Mandragora va bene per la Fiorentina perché guadagna poco. Il fatto poi che i viola non se ne facciano niente, evidentemente, è secondario.

Infine, giusto ribadire, la Fiorentina non ha intenzione di accettare contropartite “imposte” per Federico Chiesa. Ad oggi Commisso è stato chiaro: vuole i soldi. Il prezzo resta fissato a un minimo di 60 milioni di euro. Senza, ovviamente, contropartite. Specie contropartite “inutili” come Mandragora, Rugani, e chissà chi altro.

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

Spadafora: “Il 28 si decide se la Serie A riparte. Sono ottimista”

“Pochi minuti fa abbiamo pubblicato il protocollo che consente a squadre serie A di riprendere allenamenti. E’ arrivato ok definitivo Cts. Lunedì 25 riceverò dalla Figc il protocollo per ripresa campionato. Mio impegno sarà quello di fare in modo che il 28 si possa già avere l’orientamento del Cts per poi decidere se riprendere e quando.

Voglio essere ottimista per ripresa Paese a anche del campionato. Se riparte l’Italia riparte tutto lo sport e anche lo sport. Linea prudenza ci consente di essere ottimisti”. Così il ministro per lo Sport, Vincenzo Spadafora a La vita in diretta. A riportarlo è l’agenzia ANSA. 

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT