La notte insonne dopo Fiorentina Borussia 2-4: dai deliri alle affermazioni di ADV : Vogliamo la testa di Paulo Sousa

Fiorentina, Sousa rischia l’esonero. Decisivo il Torino..ma doveva essere allontanato ieri sera…
Della Valle: “Analizzeremo la situazione a mente fredda. Sono scioccato più che arrabbiato”
LA NOTTATA INSONNE NELLA STANZA DEI BOTTONI VIOLA DA ME SOGNATA…IMMAGINATA IN UN DELIRIO NOTTURNO SENZA FINE !!!

Ma se stamattina non riceveremo il Comunicato Stampa con il licenziamento di Sousa allora vorrà dire che siamo davvero arrivati “ai titoli di coda”

la triade viola Mario Cognigni, Andrea Della Valle, Pantaleo Corvino

di Stefano Ballerini

Firenze- Fiorentina Borussia era finita da un pezzo; Noi tutti eravamo già usciti mesti alla spicciolata dal portoncino verde  a scatto del Franchi quando le lancette dicevano essere tra le 24.30 e le 045. Tutti eravamo già arrivati alle nostre casette, che da li a qualche ora li poteva benissimo essere andata in scena la “Notte della Dirigenza Viola”
C’ è infatti chi giura , di aver visto dagli spioncini delle finestre delle abitazioni che danno davanti alla Sede Viola, di aver visto per un paio di volte durante questa “ulteriore maledetta notte” viola il fattorino del pastificio di Via Campo d’Arrigo far la spola sotto la sede viola . La “crew” viola: Rogg-Corvino-Andrea Della Valle Cognigni, la “vediamo intenta a discutere anche animatamente attorno al tavolo della stanza delle riunioni tra un caffè, un cappuccino, un paio di cornetti, una scatoletta di calmanti, un aranciata (amara naturalmente) una Coca Cola per stare svegli, unita a qualche tavoletta di cioccolato nero “Novi”.
La riunione “all-night” la immaginiamo dai toni abbastanza alti, con vari rimpalli, minacce. …picche e ripicche.
La Fiorentina era appena uscita anche dall’Europa League che contava da un “imbarazzante” “aggregate” 3-0; l’1-0 del Borussia Park, rubacchiato ma portato a casa; Poi l’1-2 da Ko al Franchi saliti su un 2-0 che pareva poter essere rassicurante a far intravedere il passaggio del turno ormai spianato. Molti di noi avevano già dato mandato alle varie Agenzie di rimanere in preallarme per la nuova prenotazione per stamattina per un altra trasferta europea.
Invece in 13 minuti di un secondo tempo da incubo ( 17 mettendoci il gol del rigore-riapri gara causato da un Olivera da sbattere ad allenarsi da solo con la squadra dei Primi Calci 2009 …anzi no li darebbe il cattivo esempio..ma nel Comeana Bisenzio in 1° categoria Gir.B o nell’Orlado Yamboree in 3° categoria Livorno-Elba) ) la sciagurata squadra di un”ultra-sciagurato” improponibile, inudibile, inascostabile, insopportabile, Paulo Sousa prendeva 3-4 gol regalando su un piatto d’argento il passaggio del turno ad un Borussia arrivato dopo la “scivolata di Vastegaard mai vista nemmeno nel campionato interno Amatori-Arci-Uisp Acsi dei Detenuti all’aperto dell’Isola di Gorgona sull’orlo del baratro.
Bene…anzi malissimo, il “dado è tratto”; ‘addio a giugno è certo…certissimo, la clausola di un possibile rinnovo per la 3° annata è stata stracciata ieri in Tribuna dal furioso Andrea Della valle.
Ma la storia tra Paulo Sousa e la Fiorentina potrebbe interrompersi prima del previsto…dovrebbe interrompersi prima del previsto.
In una Società seria con un allenatore serio, la storia doveva interrompersi ieri sera, o con le “Dimissioni live” di Sousa durante una sala Stampa risibile, inascoltabile. Oppure con la venuta di Pantaleo Corvino subito dopo.
Crediamo che in una Società seria Andrea Della Valle sarebbe dovuto venire in Sala Stampa e parlare a tutti, non come al solito da uno “stambugio, in un angolo, solo a coloro i quali che in Team di tante persone potevano dividersi tra Sala Stampa-Mixed Zone e stando dietro ai movimenti del Presidente. Chiuderla li..doveva essere chiusa li.
La bruciante , incredibile, insopportabile indigeribile ( sul tavolo della Presidenza c’era anche uno stik di Malox…dimenticavamo. ) eliminazione dall’Europa League ad opera del Moenchengladbach ha evidenziato un rapporto ormai logoro, insostenibile, impercorribile, incrinato tra le parti. Della Valle si è nascosto dietro un “non è il momento di parlarne”, ma la delusione è tanta e in caso di passo falso col Torino l’esonero di Sousa sarebbe inevitabile, affidandosi a un traghettatore.
Ecco le parole del numero 1 viola colte e ribattute da diverse agenzie:
“Mi scuso a nome della Società, della squadra, chiedo scusa a Firenze ai fiorentini ai nostri tifosi. Sono ancora incredulo, più scioccato che arrabbiato – ha dichiarato a caldo Andrea Della Valle -. Nel primo tempo sul 2-0 …anzi sul 3-0 avevamo la partita in mano, con il discorso qualificazione chiuso. Non mi ricordo una partita così in 15 anni che sono qui”.
Non certo un complimento per il tecnico Paulo Sousa ..anzi una bella stilettata, con i giocatori schierati in campo, spazzati via dal Borussia Moenchengladbach dopo essere andati in vantaggio 2-0 e con la vittoria in trasferta in Germania. Il 2-4 interno condanna la Fiorentina all’eliminazione, che deve davvero costare cara anche a Paulo Sousa: “Non è il momento di parlare dell’esonero – ha ribadito Della Valle -, dobbiamo ripartire per puntare al sesto posto in campionato. Il mio compito non è distruggere, ma a mente fredda analizzeremo tutto”.
Chissà stamattina dopo questa nuova “nottataccia” che occhiaie profonde sulla faccia della Dirigenza viola.
“C’è qualcuno che giura ” di aver visto all’alba fatta la Dirigenza uscire alla spicciolata in uno stridere di gomme dall’uscita del tunnel, un rapido stop davanti alla Sede per programmare il da farsi in giornata ( un bel comunicato stampa da dare in pasto alla Stampa alla Città) con il licenziamento di Sousa tanto per dare una sterzata.
La soluzione sul lungo periodo è il divorzio con Paulo Sousa, non è più percorribile, se a giugno le due strade si separeranno comunque, urge che si separino subito.
Se vogliamo che “qualcuno” venga a vedere la far col Torino, (si annunciano defezioni a frotte, spali desolatamente vuoti-deserti, inguadabili dalle Tv) ) .
La prossima sentenza , ovvero l’irraggiungibilità anche del 6° posto che varrebbe gli spareggi per l’Europa League arriverà da 2 fronti: una più che probabile sconfitta col Torino, e quella successiva a Bergamo. E meno male che abbiamo 40 punti che garantiranno la salvezza, perché questa Fiorentina ci ricorda quella dell’ultima retrocessione. Allora se non arriverà stamattina “quel Comunicato Stampa” allora vorrà dire che molto moltissimo dipenderà dalla sfida di campionato appunto contro I cugini del Torino, un appuntamento ostico che permetterà alla dirigenza di capire se la squadra è con il tecnico o se mollerà del tutto la rincorsa a un piazzamento europeo. Se da un lato, infatti, ci sarebbe la voglia di chiudere il rapporto con il portoghese che da mesi si sta trascinando stancamente, dall’altra c’è la consapevolezza che si dovrebbe scegliere un traghettatore per sei mesi, per poi puntare al tecnico giusto per la prossima stagione. La parola al campo, e al Torino.
Ed il nome del traghettatore non può che essere FEDERICO GUIDI, un Signore .un ragazzo “dei ostro” affabile, gentile disponibile che parla un italiano corrente, dai modi pacati, rispettosi uno che non spara quell’insopportabile:” la squadra lavora per vincere tutte le partite”… BASTAAAAAA !! E improvvisamente mi sveglio da questo incubo..davanti a me le colline fiorentine nei paraggi di San Casciano lontani 20 chilometri dal Franchi da dove siamo dovuti uscire verso le 24.30 anche accomiatati dagli inservienti viola. gabbati, delusi, dopo aver dovuto assistere all’ennesima tragedia viola . INCREDIBILEEEEEE.
E per ciò che riguarda chi scrive avendo voluto dare le dimissioni da Radio Fiesole 100 da Martedi prossimo e costretto invece a rimanerci fino a tutto Marzo, per lavorare da Professionista dietro a questa ” scialuppa viola alla deriva”, mi tocca anche andare il 18 e 19 di Marzo a Crotone…a Crotone !!!!! a CROTONEEEEEEEEEE ???? Mi tocca andare. INCREDIBILEEEEEEEEE !!!

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

Lascia un commento