RUGBY- SABATO 19 MAGGIO LA FINALE SCUDETTO, PETRARCA PADOVA- PATARO’ CALVISANO

La Finale per il titolo di Campione d’Italia 2017/2018 tra Petrarca Padova e Patarò Calvisano segna la tappa conclusiva di un cammino lungo 95 incontri, iniziato lo scorso settembre con l’avvio della stagione regolare

La sfida-scudetto di sabato 19 maggio allo Stadio Plebiscito di Padova (ore 17.00, diretta Therugbychannel.it e app.federugby.it) è stata presentata oggi all’NH Touring di Milano, alla presenza del Presidente FIR Alfredo Gavazzi e dei Presidenti, capitani e allenatori delle due squadre che si affronteranno per cucire sulle proprie maglie il titolo di Campione d’Italia numero ottantotto.

Per i gialloneri bresciani Campioni d’Italia in carica è la quinta Finale consecutiva, mentre il Petrarca torna a disputare la partita che vale una stagione dopo sette anni e dopo aver chiuso al primo posto la regular season. E’ la prima volta nella storia del massimo campionato che Petrarca e Calvisano si confrontano nella Finale per il tricolore.

Gli ospiti del Patarò Calvisano inseguono il quinto titolo in sette anni, il settimo assoluto nella storia del Club, mentre i veneti puntano a riportare al “Memo Geremia” lo scudetto numero tredici nella gloriosa storia della Società biancoscudata dopo l’inatteso successo del 2011 nel Derby d’Italia con Rovigo al “Battaglini”, ultimo titolo della Società presieduta da Enrico Toffano.

In panchina, a guidare le sfidanti per il tricolore, due Azzurri di epoche diverse: il Petrarca Padova è affidato dall’ex numero dieci azzurro Andrea Marcato, il più giovane tecnico di scuola italiana a raggiungere la Finale, mentre l’ex ala azzurra Massimo Brunello, alla sua terza finale sulla panchina giallonera, punta a bissare la vittoria del 2017 al PataStadium di Calvisano.

Il Petrarca si presenta alla Finale – l’ultimo titolo assegnato sul campo del “Plebiscito” risale al 2010, l’ultimo prima dell’ingresso in Celtic League – con un ruolino di marcia che parla di sedici vittorie su diciotto in stagione regolare e una doppia vittoria in semifinale ai danni delle Fiamme Oro; lievemente più tortuoso il cammino dei Campioni in carica, che dopo aver chiuso alle spalle dei padovani la stagione regolare, hanno avuto ragione solo a tempo scaduto della Femi-CZ Rovigo nel doppio scontro di semifinale.

Nei due scontri diretti di stagione, equilibrio pressoché assoluto con il Calvisano vincitore alla quarta d’andata sul campo di casa per 19-16 e il Petrarca che, nel tredicesimo turno, ha portato a casa la vittoria per 18-17.

Un equilibrio che non può che aggiungere suspance per l’atto conclusivo della stagione.

“E’ la prima volta nella storia del nostro massimo campionato che il Petrarca Padova e il Patarò Calvisano si affrontano nella Finale per il titolo – ha dichiarato il Presidente della FIR, Alfredo Gavazzi – e sono certo che assisteremo a un match capace di offrire uno splendido spot per il nostro movimento. Vedremo in campo due squadre di qualità: il Calvisano ha avuto una buona partenza, ma nella fase finale della stagione regolare ha lasciato punti pesanti per strada, mentre il Petrarca ha fatto vedere, gara dopo gara, una crescita molto interessante. Faccio a entrambe le Società il mio personale in bocca al lupo e che possa vincere la squadra migliore” ha concluso il massimo dirigente federale.

Alberto Chiesa, vice-capitano dei Campioni d’Italia che ha preso il posto oggi del tallonatore Morelli in rappresentanza della rosa lombarda, ha dichiarato: “Per noi è la quinta finale consecutiva e questo sicuramente aiuta a preparare la gara in settimana con tranquillità, ma una volta sul campo l’abitudine a giocare questo genere di partite non conta poi molto. La doppia semifinale contro Rovigo – ha detto l’utility back livornese del Calvisano – è stata molto impegnativa fisicamente e i nostri avanti hanno fatto un lavoro straordinario contro la miglior mischia dell’Eccellenza. L’obiettivo era raggiungere questa partita e difendere sino in fondo il nostro titolo, ma la partita contro Rovigo allo scadere ci ha insegnato che possiamo credere in ciò che vogliamo sino all’ultimo secondo”.

Capitan Saccardo, leader del pacchetto biancoscudato del Petrarca, ha ribattuto: “Abbiamo lavorato duro per arrivare a questa Finale per lo scudetto e dobbiamo ringraziare il nostro tecnico Andrea Marcato e tutto lo staff per aver gestito la stagione e la rosa nel migliore dei modi, con un turn-over che ci ha consentito di arrivare a questo ultimo atto non usurati e determinati a giocarci le nostre chance di riportare lo scudetto a Padova. Prepariamo questa partita come tutte le altre di questa stagione, senza metterci pressione da soli ma consapevoli di andare ad affrontare i Campioni in carica, una squadra di grande esperienza che saprà dare il 100%”

Leave a Comment

Filed under FIRENZE VIOLA SUPER SPORT

Lascia un commento